Regolarizzazione Badante Senza Permesso di Soggiorno

In questo articolo parliamo della Regolarizzazione di una badante senza Permesso di Soggiorno.


La tua badante o quella che stai per assumerne è senza Permesso di Soggiorno?Se vuoi scoprire tutto ciò che devi fare per non incorrere in alcun problema, ti consiglio di leggere fino alla fine.

Regolarizzazione badante straniera

Nell’articolo Regolarizzazione badante abbiamo già ampiamente spiegato di come la badante svolga a tutti gli effetti un vero e proprio lavoro che come tale deve essere regolarizzato con un contratto.


Sempre più spesso, le badanti sono di origine origine straniera e In questi casi, ancora prima di parlare di assunzione della badante o di contratto per badanti, è necessario che la badante che si trova in territorio italiano, sia in regola.


Una badante extracomunitaria può essere infatti assunta solo se in possesso di un titolo di soggiorno valido per lo svolgimento dell’attività lavorativa.


Presta molta attenzione a questo aspetto, perché potresti rischiare di incorrere in alcune sanzioni!


Infatti, se si assume un cittadino extracomunitario senza permesso di soggiorno o con permesso di soggiorno scaduto o revocato si rischia una multa pari a 5.000 euro per ogni lavoratore occupato irregolarmente e la reclusione da 6 mesi a 3 anni ai sensi dell’art. 22, comma 12 del D.Lgs. 286/98.


Ecco perché devi prima fare in modo di regolarizzare la tua badante senza permesso di soggiorno!

Vuoi evitare di incorrere in multe e sanzioni?

Regolarizzazione badante ancora fuori dall’Italia

Negli anni un gran numero di collaboratrici familiari sono state regolarizzate tramite il decreto flussi o le regolarizzazioni, come è avvenuto con l’emersione del 2020.


Il decreto flussi è l’atto normativo con il quale il Ministero dell’Interno stabilisce quanti stranieri possono entrare in Italia per lavoro. Il decreto riguarda stranieri che si trovano ancora nei loro paesi di origine e non chi si trova già sul nostro territorio senza permesso di soggiorno. Quindi riguarda l’ingresso più che la regolarizzazione.


Pertanto, se la tua badante si trova ancora nel suo paese di origine puoi procedere il questo modo.
Ciò che devi fare è presentare telematicamente la domanda e se sei in possesso dei requisiti richiesti, otterrai così un nulla osta al lavoro. Con il tuo nulla osta, la badante nel suo paese di origine ottiene un visto d’ingresso per motivi di lavoro e in questo modo entrerà in Italia da regolare.

La tua badante è ancora nel suo paese d’origine
e vorrebbe entrare in Italia da regolare?

Regolarizzazione badante già in Italia

Se invece la tua badante si trova già in Italia ma non è ancora regolarizzata, deve procedere con un’altra via.

La regolarizzazione, o sanatoria, o emersione (come Il Decreto Rilancio datato 13 maggio 2020) infatti, prevede la regolarizzazione di cittadini stranieri e di lavoratori irregolari come le badanti presenti su territorio italiano.


Anche in questo caso la domanda di regolarizzazione viene presentata telematicamente dal datore di lavoro (in questo caso tu) secondo le modalità definite ogni volta con decreto del Ministro dell’Interno.

E’ comunque necessario controllare la presenza dei requisiti richiesti dal Ministero, sia per il datore di lavoro ma anche per la badante, altrimenti si rischia il rigetto della domanda e di conseguenza la perdita di una importante opportunità di regolarizzazione , oltre che di denaro, in quanto viene richiesto il pagamento di un contributo forfettario ( ultimamente euro 500,00).


Ecco perché in queste situazioni è fondamentale chiedere l’aiuto e il supporto di un Avvocato che si occupa di regolarizzare le badanti.

La tua badante è già in Italia
ma non è in regola?

Leggi anche: Busta Paga badante e Licenziamento Badante.


Se il datore di lavoro ha necessità di assumere una badante senza permesso di soggiorno ed al momento non vi sono decreti flussi o sanatorie disposte dal Ministero è possibile verificare se ci sono altre possibilità per far ottenere un titolo di soggiorno alla badante (ad esempio: permesso di soggiorno per assistenza minore, permesso a seguito di convivenza, possibilità di un ricongiungimento familiare) e quindi procedere con l’assunzione.

Clicca il pulsante qui sotto
per scoprire come regolarizzare la tua badante

Con questo articolo sai come procedere in caso di regolarizzazione di una badante senza permesso di soggiorno. Ti ricordo che assumere una badante richiede una procedura delicata, che comprende diversi passaggi e tanta precisione. Proprio per questo l’aiuto di un Avvocato ti potrebbe agevolare e fornire maggiore sicurezza, evitando di farti incorrere in sanzioni penali.









Hai Bisogno di una Consulenza?

Avvocato Tania Pucci è un brand legale dello Studio Legale Pucci

CONTATTI

Via Masini 1 – Empoli 50053, FI

Tel. 0571930263

© 2021-2023 Empoli Copyright Studio Legale Pucci

HAI BISOGNO DI AIUTO?